Jan Gossaert e il Rinascimento al Nord delle Alpi alla National Gallery

A cavallo dell’Europa

Jan Gossaert – Ritratto di Enrico III di Nassau – 1520-25 ca. – Kimbell Art Museum, Fort Worth, Texas

Ci sono due tipi di artisti: quelli dai nomi risonanti, che da soli possono sostenere lo splendido isolamento di una retrospettiva. E quelli come Jan Gossaert (Mauberge, 1478 – Anversa, 1532), meno noti e che per questo necessitano di un’introduzione. E Jan Gossaert’s Renaissance, alla National Gallery, con le sue 80 opere, tra disegni e dipinti, incluse numerose incisioni e stampe di Albrech Dürer, Marcantonio Raimondi e Jacopo de’ Barbari, fa esattamente questo.
Jan Gossaert detto Mabuse è il primo artista a introdurre le architetture classiche e i nudi sensuali del Rinascimento italiano nelle Fiandre. Fattosi un nome lavorando per gli stravaganti membri della corte della Borgogna fiamminga, Gossaert lascia Anversa nel 1508 per seguire Filippo di Borgogna a Roma, in missione diplomatica per conto dell’imperatore Massimiliano d’Asburgo.

Jan Gossaert – Studi di sculture antiche – 1509 ca. – Leiden University Library

Filippo è un uomo di mondo. Desideroso di stabilire una corte umanistica nelle Fiandre, incoraggia Gossaert a disegnare rovine e sculture dell’antichità classica, tra cui Lo Spinario, e a fare scorta di motivi classici da riutilizzare poi nei suoi dipinti una volta ritornati nelle Fiandre. Gossaert non si fa pregare. E in Italia colleziona incisioni e stampe degli artisti italiani che ammira di più, tra cui spiccano i nomi di Raimondi e de’ Barbari.

Leggi il resto su Artribune

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.