Eventi passati: Leonardo da Vinci: Painter At The Court Of Milan

13 dicembre 2011. Pare che la gente faccia la fila dalle sei del mattino per assicurarsi uno dei 500 preziosissimi biglietti messi in vendita quotidianamente dalla National Gallery. Tutti gli altri, mi dicono, sono esauriti fino a Febbraio (quando la mostra chiude).
Folla fuori dalla National Gallery per la mostra su Leonardo da Vinci. London 2011©Nebbiadilondra.

Ma d’altra parte Leonardo da Vinci: Painter At The Court Of Milan è l’evento artistico dell’anno, un must see, una mostra da non perdere, che -secondo il parere generale, o almeno quello dei critici d’arte-  ha quasi del miracoloso. E dopo averla visitata non posso che essere d’accordo con il parere del terribile Brian Sewell, il mitico critico dell’Evening Standard, famoso per criticare (vedi: fare a pezzi…) tutto e tutti senza pietà alcuna, che vorrebbe accordare un’onoreficenza a questo incredibile curatore. Che davvero Luke Syson è riuscito a creare qualcosa di straordinario, dato che pare che neanche lo stesso Leonardo abbia mai visto insieme nella stessa sala le due versioni de La Vergine delle Rocce! Uh! E non scherzo quando dico che, quando me le trovo davanti, mi manca abbastanza il respiro (e non solo per il fatto che nella stessa sala ci saranno almeno altre 300 persone, il che non aiuta la circolazione dell’aria) tanto il confronto ha dell’incredibile.

La Belle Ferroniere
La Belle Ferrronière. Parigi, Museo del Louvre
Devo sgomitarmi la via tra la fitta siepe umana che sta davanti ad ogni quadro, ma quando riesco ad aprirmi un varco tra i corpi degli altri visitatori e vedere tra la selva di teste che mi ostruisce la visuale, quello che mi appare davanti agli occhi è ogni volta un piccolo miracolo di perfezione, sia esso l’ovale perfetto di Beatrice d’Este (La Belle Ferrronière), o quello di Cecilia Gallerani, l’amatissima amante di Ludovico Sforza meglio nota come La Dama con l’ermellino. Per non parlare di tutti i disegni della Royal Collection che tappezzano le pareti con la loro incredibile bellezza, comprati da Re Carlo II e riscoperti per caso (non oso pensare cosa sarebbe successo se per caso non fossero stati scoperti…) nel 1778 durante il regno di Giorgio III. Certo, ci sono state altre mostre dedicate a questo geniale toscano (come quella bellissima al Victoria and Albert Museum nel 2006), ma si sono perlopiù focalizzate sull’aspetto di Leonardo inventore, scienziato e disegnatore, mentre questa della National Gallery è la prima ad essere dedicata solo ed esclusivamente a Leonardo pittore durante la sua permanenza alla corte di Ludovico Sforza, dal 1482 al 1499 (quando  Luigi XII di Francia decide che il Ducato di Milano era roba sua e pone una brusca fine al dominio di Ludovico, che finisce i suoi giorni prigioniero nel castello di Loches; e comunqe all’epoca Leonardo è gia così famoso che morto un committente, se ne fa presto un’altro…).
Leonardo da Vinci
(la foto non è del Guardian non mia, ma è indicativa dell’umore generale…)
Quando esco un paio d’ore dopo, il serpentone di persone in fila si è fatto ancora più lungo e compatto di quando sono entrata, nonostante il vento tagliente di questa mattinata dicembrina.
 
Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...