Ogni Cuore Umano (Any Human Heart) di William Boyd

Per una volta un titolo tradotto alla lettera. E d’altra parte non sarebbe stato possibile renderlo in nessun altro modo. È perfetto così. È il libro che fa rimpiangere ad ogni scrittore di non averlo scritto lui.

Che cosa spinge un essere umano a scrivere il suo diario? Me lo sono chiesta spesso anch’io. Ero alle scuole medie quando, folgorata dalla lettura del Giornalino di Gianburrasca, scritto da Luigi Bertelli in arte Vamba nel 1907, ho deciso di iniziare a tenere un diario. E continuo a farlo tutt’ora, sebbene in modo più o meno intermittente. Il diario è il luogo in cui si può essere sinceri con se stessi senza timore di essere giudicati o rimproverati. Soprattutto è il luogo in cui razionalizzare i nostri pensieri e quelli degli altri, un esercizio fondamentale alla comprensione di quello strano animale che è l’essere umano.

E in forma di diario è descritta la storia di Logan Montstuart, scrittore (fittizio) nato nel 1906 da madre uruguayana e padre inglese arricchitosi con il commercio della carne in scatola. Tornato con la famiglia in Inghilterra, il quindicenne Logan comincia a scrivere il suo diario. Diventato scrittore, ci porta con sé in uno splendido viaggio attraverso la storia del XX secolo dalla Londra degli Anni Trenta, quella abitata da Virginia Woolf e dal Bloomsbury Group, alla Parigi di Joyce e Picasso. Lo accompagniamo nella Spagna della Guerra Civile (dove lo ritroviamo insieme ad Hemingway) allo scoppio della Seconda guerra mondiale, dove opera come spia dell’intelligence britannica in compagnia di Ian Fleming, e poi a New York dopo la guerra e di nuovo a Londra negli anni Settanta. Una vita la sua in cui tragedie personali si alternano ad inaspettati momenti di gloria. E tra alti e bassi della vita, tra amori perduti e amici ritrovati, il mondo interiore del protagonista e dei personaggi che incrociano la sua vita, ci si srotola davanti come un arazzo, regalandoci uno straordinario romanzo. Un libro magico, assolutamente da leggere.

2014 ©Paola Cacciari

 

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.