Rembrandt: The Late Works alla National Gallery

Nel corso della sua vita di Rembrandt (1606-1669) si adoperò incessantemente per ottenere successo artistico e riconoscimento sociale e ottenne entrambi a piene mani. Almeno fino agli anni Cinquanta del XVII secolo, quando tutto cambia: la sua espressività, passa di moda e le grandi, commissioni pubbliche vanno a pittori meno bravi, ma più economici e (soprattutto) piú malleabili. Ma non finisce qui. Perpetuamente afflitto da problemi finanziari, Rembrandt è costretto a vendere la sua grande casa e la sua preziosa sua collezione d’arte. E se questo non fosse stato sufficiente, vede morire il suo grande amore Hendrickje Stoffels e il figlio Titus. C’è poco da stare allegri.

Gli olandesi, dal canto loro, consideravano Rembrandt bello che finito. Eppure proprio in questi anni, tra il 1650 e la sua morte, avvenuta nel 1669, il nostro crea alcuni dei più grandi capolavori della sua vita.

 bfd57586-9457-4feb-b043-1e9a2101e2a6-787x1020
Self-portrait, 1659. Photograph: Andrew W Mellon Collection/courtesy National Gallery

Tutto questo e molto di più in Rembrandt: The Late Works alla National Gallery. Non è un mostra per i deboli di cuore, che tanta è la bellezza racchiusa tra queste pareti che si rischia più volte di cadere preda della Sindrome di Stendhal. Non molti dipinti, molte stampe una volta tanto complementano la mostra invece che che fare volume.

Ma la mia preferita è la prima sala. Qui il viso di Rembrandt segnato dall’età e dalla vita, osserva chi entra con occhi attenti. Cinque autoritratti dipinti tra il 1659 e il 1669, cinque piccole finestre affacciate sul mondo . Un mondo che, nonostante tutto e tutti, non si ferma mai.

E la sua pittura? Che mi dite della sua pittura? Densa e spessa, possiede una qualità pittorica allora sconosciuta. Andando contro le convenzioni dell’epoca, Rembrandt usa la spatola per costruire “edifici” di colore per creare immagini che riescono a trasmettere emozioni intime anche in dipinti di grandi dimensioni. È difficile guardare uno dei suoi dipinti senza sentire una qualche affinità con il personaggio (ma sarebbe meglio dire la persona) ritratta. Sono semplicemente ipnotici.

E vista la folla che continua senza tregua a popolare le sale della National Gallery non credo di essere l’unica a pensarla così….

Fino al 18 Gennaio

The National Gallery
Trafalgar Square, London WC2N 5DN

www.nationalgallery.org.uk

Chiuso il 1 Gennaio

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...