Raymonda Act III – Variation 6 (Natalia Osipova; The Royal Ballet)

Petipa’s Raymonda Act III is Russian classical ballet summarized in one act, full of sparkle and precise technique. Principal of The Royal Ballet Natalia Osipova (Raymonda) dances Variation 6.

Raymonda was created by Marius Petipa in 1898 for the Mariinsky Theatre in St Petersburg. It contains some of his most spectacular choreography and a magnificent score by Alexander Glazunov, full of spirited rhythms and lilting waltzes – George Balanchine called it ‘some of the finest ballet music we have’. Rudolf Nureyev had an intimate knowledge of Raymonda: he performed in the ballet as a young dancer with the Kirov Theatre and staged a full-length version for The Royal Ballet in 1964, reviving many of the dances from memory. Nureyev presented an adapted version of Act III at Covent Garden in 1969. Against an opulent setting created by Barry Kay, a Hungarian folk dance opens the wedding celebrations for a ballerina and her cavalier. A lively male pas de quatre is followed by the famous grand pas hongrois, which contains ensembles for all 10 dancers, who wear radiant white costumes. Act III of Raymonda was performed as part of a tribute to Nureyev at the Royal Opera House in 2003. The final act of Petipa’s grand ballet classic, which contains some of the greatest choreography in Russian ballet, was adapted by Rudolf Nureyev. 

https://www.roh.org.uk

Alphaville – Big in Japan

Big in Japan (1984)

Alzi la mano chi ricorda gli Alphaville. Non molti? Non mi sorprende, che almeno in Italia non si senta parlare di questo gruppo musicale tedesco dagli anni Ottanta. Big in Japan, e’ stato il singolo di debutto del gruppo. Buon ascolto! 🙂

Spartacus, il gladiatore del Bolshoi

Lo so, ultimamente i miei post sono tutti sul baletto (scusa Guido… 🤗), ma la “vita da museo” che aveva informato la maggioranza dei miei post fino ad ora è stata rudemente interrotta dal coronavirus, e l’unica cosa che sembro fare al momento è guardare ossessivamente il balletto sul Canale YouTube del Teatro Bolshoi…  E comunque ci sono modi peggiori di passare la quarantena… 😏😜

via Spartacus. Ovvero, la potenza dell’esercito del Bolshoi

HAUSER – “Live in Zagreb” FULL Classical Concert — l’eta’ della innocenza

HAUSER performing his favorite classical music pieces with the Zagreb Philharmonic Orchestra at his classical solo concert at the Lisinski Concert Hall in Zagreb, October 2017. Elisabeth Fuchs, conductor Special guests: Choir Zvjezdice Lana Trotovsek, violin Petrit Çeku, guitar 00:34 Benedictus (K. Jenkins) 09:05 Pie Jesu (A. L. Webber) feat. Josephine Ida Zec, child soprano […]

via HAUSER – “Live in Zagreb” FULL Classical Concert — l’eta’ della innocenza

Grazie Bolshoi per Le Corsaire!

Un’altra chicca regala dal Teatro Bolshoi per alleviare le pene della quarantena. Parlo di Le Corsaire, la fantasia orientalista liberamente ispirata a un poema di di Lord Byron (1814), Il corsaro (The Corsair), in streaming gratuitamente sul canale YouTube del teatro di Mosca. Costumi da favola, odalische, pirati, mercanti di schiavi, eunuchi e sultani scintillanti, salti, piroette, acrobazie, pa-de-deux etec etc.

Un racconto contorto di amore, tradimento e di doppio gioco, musicato da Adolphe Adam e con coreografie di Joseph Mazilier, Le Corsaire debuttò all’Académie Royale de Musique di Parigi  il 23 gennaio 1856. In Russia durante il XIX e il XX secolo tuttavia, il balletto subì molte revisioni e rimaneggiamenti, tra cui quelle di Jules Perrot (1858), Marius Petipa (1858, 1863, 1868, 1885, e 1899), Alexander Gorsky (1912), Agrippina Vaganova (1931), Pyotr Gusev (1955), Konstantin Sergeyev (1972, 1992) fino a quella attuale di Jurij Grigorovič (1994). Oggigiorno Le Corsaire è rappresentato fondamentalmente in due versioni: quella di Pyotr Gusev del 1955 prediletta in Russia e in Europa, mentre in America e alcune perti dell’Europa occidentale si preferisce la versione di Konstantin Sergeyev del 1973. E’ un balletto molto lungo, quasi 3 ore e non viene spesso rappresentato per intero.

In fatto di trama, il balletto è una sorta di pastiche letterario senza capo ne’ coda in cui la trama è una flebile scusa per le star del Bolshoi che fanno sfoggio di bravura. E che bravura! E che costumi! E che performances! Assolutamente mozzafiato. E, trama a parte, a vederli danzare pare che tutti quanti si divertano davvero un mondo… Io di certo mi sono divertita un sacco! 

Marco Spada, ovvero La Figlia del Bandito

Alla terza settimana di quarantena, quando il tempo si sta mettendo al bello anche qui in terra angla e gli alberi sono in fiore e il cielo e blu, stare in casa per evitare il coronavirus diventa un po’ difficile… Fortunatemente il Teatro Bolshoi di Mosca ha deciso per la prima volta nella sua storia di andate digitale e alleggerire le pene di noi carcerati trasmettendo ogni settimana sul suo canale YouTube balletti di repertorio. Ieri è stata la volta di Marco Spada, o La figlia del bandito. Gloria a te, o Bolshoi che ti ricordi di noi.

“Marco chi?” Ho pensato io quando ho visto il post su Instagram, che non avevo mai sentito di un balletto con questo nome. Non che non ce ne siano di balletti che non conosco dico, che la mia ignoranza del soggetto e’ eguagliata solo dalla mia passione: abissale. Tanto che, sulle prime pensavo che fosse il nome di una nuova étoile italiana del Bolshoi, che negli ultimi anni il teatro moscovita ha allentano le sue regole di mantenere un corpo di ballo rigidamente russo, per ammettenere tra i suoi ranchi anche ballerini di altre nazioni. Come per esempio l’americano David Hallberg, che ha interpretato il ruolo di Marco Spada con il balletto del Bolshoi nel 2014. Trent’anni fa, un casting di questo tipo sarebbe stato inimmaginabile.

David Hallberg in the title role of Marco Spada.CreditDamir Yusupov Bolshoi Theatre

Se Spartaco è “IL” balletto russo per antonomasia, Marco Spada al contrario è una commedia tipicamente occidentale, pieno di passi veloci e intricati, acrobazie, salti e piroette mozzafiato. Con la sua pantomima e i suoi animali sul palco, malintesi e riconciliazioni, mi ricorda tanto La fille mal gardée creato da Frederick Ashton per il Royal Ballet nel 1960

Creato nel 1857 da Joseph Mazilier con musica da Daniel François Esprit Auber e libretto di Eugène Scribe, Marco Spada  ebbe la sua première dell’Opera di Parigi nel 1857. Tuttavia, nonontante la sua trama divertente (anche se leggera), la coreografia complessa e l’alto livello tecnico richiesto sia ai solisti che al corpo di ballo, il balletto scomparve dal repertorio occidentale per più di un secolo.

Fino a quando, nel 1981,  il coreografo Pierre Lacote decise di rispolveralo per Teatro dell’Opera di Roma e per un’allora quarantenne Rudolf Nureyev.  E lo stesso Lacote lo ha ricreato nel 2014 appositamente per il Bolshoi, e da allora il balletto è diventato parte del repertorio del famoso teatro russo.

 Igor Tsvirko as Count Pepinelli, and Olga Smirnova as Marchesa Sampietri Marco Spada (Bolshoi Ballet)
Igor Tsvirko as Count Pepinelli, and Olga Smirnova as Marchesa Sampietri Marco Spada (Bolshoi Ballet)

Ambientato in Italia nel 1830, Marco Spada  racconta la storia di un astuto bandito che si infiltra nell’aristocrazia italiana, saccheggiando l’area intorno a Roma sotto il naso del governatore. Sua figlia Angela, ignara della doppia vita del padre, è disperatamente innamorata del principe Federici, che non può sposarla perché fidanzato con la Marchesa Sampietri, che a sua volta innamorata del Conte Pepinelli, che la ricambia con passione. Naturalmente tutto finisce bene … o quasi. 

Insomma, Marco Spada è un balletto fresco e gioioso, a tratti esaltante – ed io mi sono dovutamente esaltata, applaudendo forte lo schermo del computer dopo assoli particolamente aereodinamici, neanche fossi davvero a teatro… E mi sono divertita tanto che l’ho riguardato tutto da capo anche oggi!

#iorestoacasa

2020 ©Paola Cacciari

Swan Lake – Coda from the Black Swan pas de deux in Act III (The Royal Ballet)

Marianela Nuñez nei panni del Cigno Nero Odile, e Vadim Muntagirov in quelli del principe Siegfried in questo spettacolare Pas-de-deux  nel III atto del Lago dei Cigni di Marius Petipa e Lev Ivanov, nella nuova produzione del coreografo britannico Liam Scarlett.

L’ansia del post Brexit ecessita piu’ che mai di una buona overdose di bellezza…

L’Inghilterra in cucina: Pollo con patate

Siamo talmente abituati ad metterle in tavola quando e come si vuole, sotto forma di gnocchi, purè, al forno, bollite (etc, etc, etc) che a volte ci si dimentica che la patata non ha sempre fatto parte della nostra cucina.

I primi a scoprirla furono conquistadores spagnoli. Impegnati com’erano a distruggere  l’Impero degli Inca, non so quando trovarono il tempo di notare questo strano tubero, ma lo fecero. E insieme ad immense ricchezze sudamericane, gli spagnoli portarono con loro in Europa anche la patata. Dal 1570 la si trova in Spagna da dove, grazie alla curiosità di agricoltori ed erboristi, arrivò in Italia, nei Paesi Bassi e, verso il 1580,  in Inghilterra. Con buona pace degli inglesi che preferirebbero attribuire la storia della sua introduzione in Inghilterra al navigatore, corsaro e poeta Sir Walter Raleigh, insieme al tabacco. Storia che non pare avere alcun fondamento storico, ma che di certo è molto più romantica dell’idea che a portare la patata sulle loro tavole fosse stato un erborista. Che fu grazie alla curiosità di personaggi come il grande erborista elisabettiano John Gerard (che addirittura appare sul frontespizio del suo trattato con un fiore di patata in mano, a dimostrare come, ancora nel 1597 le patate erano ancora una grossa novità) uno tra i primi a studiare questo tubero, disegnarlo, cuocerlo e – udite udite!- mangiarlo, perché la  “patata bianca” o “della Virginia” come era chiamata per distinguerla da quella dolce, diventi uno degli alimento base della dieta britannica.  Anche se bisognerà attendere altri due secoli prima che questo accada...

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f1/Gerard_John_1545-1612.jpg
Frontespizio di The Herball (1636).

Le patate, soprattutto se arrosto, stanno bene con tutto, ma uno dei miei abbinamenti preferiti è con il pollo che nella ricetta tradizionale inglese si mangia ripieno di un composto fatto di pane grattugiato, salvia e cipolle chiamato stuffing (ripieno) che si spalma anche sotto la pelle del pollo prima di metterlo nel forno e che dona al tutto un’aroma delizioso…

Roast chicken and sage and _nion stuffing and gooseberry sauce

Se vi interessa tentare lo stuffing, questa è la ricetta:

tbsp.unsalted butter
2 medium onion, chopped
2 stalks celery, chopped
3 c.chicken broth
1/4 c. sage leaves, chopped
1 c. flat-leaf parsley, chopped
2 large eggs, beaten
3/4 tsp.salt
1/2 tsp pepper

Sbucciate le cipolle e tagliatele a fette spesse. Mettetele in una casseruola, cospargetele di sale e ricoprite con acqua calda. Fate bollire per circa 5 minuti e scolatele.
Riempite il tegame di acqua calda e far bollire lentamente per una 1/2 ora, o fino a quando le cipolle sono tenere. Scolatele e strizzatele le cipolle per ascigarle il possibile e tritatele finemente.

Aggiungere il pangrattato, burro, tuorlo d’uovo, noce moscata, sale e pepe nero appena macinato. Mescolare fino a quando la miscela è appena combinata e assomiglia a pangrattato di grana grossa (non frullare!) e procedete a riempire il pollo.

2020 ©Paola Cacciari