Angelo Minghetti, ceramista e bolognese

Chi l’avrebbe mai detto! Che proprio nelle sale delle ceramiche del “mio” museo ci fosse un pezzo di Bologna! Anzi non uno, ma tre, che questi grandi busti in terracotta invetriata raffiguranti gli imperatori Tiberio, Caligola e Domiziano furono prodotti nientemeno che dal mio concittadino Angelo Minghetti tra il 1858 e il 1885.

Angelo Minghetti, Busto dell’imperatore Calingola. Victoria and Albert Museum, Londra 2018 ©Paola Cacciari

Nato a Bologna il 16 giugno 1822 il quinto di nove figli, Angelo Minghetti è costretto, ancora fanciullo, a sbarcare il lunario lavorando presso un fornaio per contribuire alle finanze famigliari, che erano nettamente peggiorate quando il padre fu fu chiamato a servire nelle campagne d’Italia, Spagna e Russia nel periodo napoleonico.

Dopo l’Accademia di Belle Arti di Bologna, dove si era iscritto alle classi di elementi d’ornato ed elementi di figura, Minghetti si trasferì ad Ancona, diventanto nel 1841 fuciliere e scrivano dell’esercito pontificio. Ma nel capoluogo marchigiano fu vittima di una calunnia e, accusato di furto, fu processato dal tribunale militare di Ancona – accusa dalla quale fu assolto nel 1843.

Il danno, tuttavia, era fatto e nel febbraio del 1842 il nostro eroe fece ritorno a Bologna dove, dopo la morte del padre, lavorò come imbianchino, decoratore e liquorista. Nel 1848 Minghetti combatte sulle barricate durante i moti risorgimentali bolognesi e l’8 agosto partecipò alla battaglia della Montagnola, combattuta l’8 agosto 1848 tra i cittadini bolognesi e le truppe dell’impero austriaco.
Terminati gli scontri, l’inquieto Minghetti iniziò la produzione di ceramiche collaborando con la fabbrica Bucci di Imola nel 1848 per poi tonare a Bologna una volta appresi i segreti del mestiere.

E fu nella città felsinea che, nel 1858, Minghetti aprì la sua prima fornace in palazzo Pepoli, in via Castiglione. L’ampliamento dell’attività richiese una nuova fornace che nel 1864 lui aprì in palazzo Malvasia in via Zamboni e successivamente, dal 1878, in via S. Vitale 87.

Minghetti si dedicò anche alla produzione di ceramiche ispirate a modelli rinascimentali, specialmente a quelli dei Della Robbia, presentando per la prima volta le sue opere nel 1869 all’Esposizione dell’agricoltura industriale di Bologna, dove fu premiato con una medaglia d’argento. Nel 1870 espose anche all’International Exhibition of world a Londra e nello stesso anno alla Mostra d’arte a Roma. Il successo crebbe ulteriormente all’Esposizione universale di Vienna del 1873, dove fu premiato con medaglia al merito per aver presentato un vaso di maiolica alto m 2,30, un’opera dall’altezza mai proposta a quel tempo e la cui decorazione era ispirata al Trionfo di Bacco carraccesco della galleria Farnese. L’opera colpì perché la realizzazione e la decorazione facevano sembrare la ceramica un vero vaso antico, tanto che Minghetti fu considerato il rinnovatore della ceramica italiana e gli fu conferito il diploma d’onore. All’Esposizione nazionale di Milano del 1881 fu premiato con medaglia d’oro.

Morì a Bologna nel febbraio 1885 e riposa nel cimitero della Certosa in una tomba in ceramica che ricorda la tipologia dei Della Robbia, secondo il volere dei figli Gennaro e Arturo, divenuti titolari della ditta Minghetti nel 1885. La manifattura fu attiva fino al 1967. Nel 1949 fu aperto in piazza Galvani a Bologna un negozio di ceramiche Minghetti, che cessò l’attività nel 1989

2020 © Paola Cacciari

Dizionario Biografico degli Italiani Minghetti

UNESCO e ICOM: nel mondo un museo su dieci è a rischio chiusura (definitivamente)

Tristemente attinente, soprattutto per chi come me in un museo ci lavora…

Secondo l’UNESCO e l’International Council of Museums (ICOM), a causa della crisi sanitaria in corso, il 90% dei musei di tutto il mondo, pari a circa 85.000 istituzioni, è temporaneamente chiuso a causa della pandemia. Una parte di questi, però, non riaprirà più i battenti… Continue reading UNESCO e ICOM: nel mondo un museo su…

UNESCO e ICOM: nel mondo un museo su dieci è a rischio chiusura (definitivamente)

Reopening the Museum

Front of House in Museums

As museums across the world begin reopening their doors to the public, it still feels that the notion of museums in the UK reopening remains distant. But when museums in the UK do open their doors to the public, we will have had an opportunity to learn from museums from around the globe and from the service industry in the UK. The experience of front facing workers home and abroad during this unprecedented time will be invaluable to ensuring museums of all sizes can reopen successfully.

Museums are Reopening

Even as museums in the UK were only starting to close, museums across China, Japan and Korea were making steps to reopen. As the UK embarked on a further three weeks of the country in lock museums in the German state of Brandenburg began to reopen, with the Arts Newspaper reporting that museums in the German states of Thuringia and…

View original post 722 more words

I gerbilli in quarantena

La quarantena fa fare cose strane alle persone: c’è chi canta dalla finestra, chi gioca a tennis sul balcone, chi non si perde una lezione di zumba su You Tube, chi passa la giornata tra Zoom e Houseparty e chi, al contrario, è diventato tutt’uno con il divano guardando Netflix. E, se si tratta di Marianna e Filippo, c’è chi crea una gallerie d’arte per i propri criceti. Con risultati spettacolari.

A couple stuck inside during the lockdown have made an adorable art gallery - for their GERBILS. See SWNS story SWLEgerbils. Marianna Benetti and her boyfriend Filippo Lorenzin, both 30, constructed the miniature exhibition last week to keep their pets entertained during quarantine. The tiny space was furnished with carefully curated gerbil themed takes on classic works of art - including the ?Mousa Lisa?. Marianna and Filippo also made mini benches, gallery assistant stools, large print guides, and a sign which read ?DO NOT CHEW?. Their two nine-month-old gerbils, Pandoro and Tiramisu, enjoyed browsing the gallery and nibbled their way through one of the delicately constructed chairs.

Anche loro come me, fanno parte della grande famiglia di italiani espatriati nella terra del Fish ‘n Chips che sono venuti ad allargare le schiere dei connazionali a Londra. Bloccati a casa come tutti, i due hanno deciso di costruire una galleria d’arte in miniatura ispirata a White Cube per intrattenere i loro due gerbilli, Pandoro e Tiramisù durante la quarantena, con tanto di minuscole versioni in formato roditore di alcuni dei dipinti più famosi al mondo. E visto che Filippo come me lavora al museo (ebbene sì, un’altro collega talentuoso!) e conosce l’ambiente la mini-galleria d’arte è provvista di mini panchine, mini sgabelli per l’assistente di galleria mini-descrizioni per il pubblico e persino un mini-cartello con la scritta “NON Masticate”. Una richiesta a cui, a quanto pare, i due animaletti non hanno prestato molta attenzione… 😂

Potete seguire Pandoro e Tiramisù  🐹🐭 su Instagram  @pandoro_tiramisu_gerbils

Dai Musei Vaticani al Louvre, mostre e musei da visitare online — Uozzart

Dai Musei Vaticani di Roma alla Pinacoteca di Brera a Milano, dal Louvre di Parigi alla National Gallery of Art di Washington: dieci musei, in Italia e all’estero, da visitare comodamente dal vostro divano… Io resto a casa, certo, ma ciò non significa che si debba sacrificare arte e bellezza. E, grazie alla tecnologia, la…

via Dai Musei Vaticani al Louvre, mostre e musei da visitare online — Uozzart

A Joint Statement on the Coronavirus Pandemic

In Inghilterra i musei chiudono al pubblico e noi che ci lavoriamo dobbiamo reinventarci un ruolo diverso per far sì che il settore della cultura, già così fragile, sopravviva a questa catastrofe. Ci aspettano tempi difficili, ma l’arte e la cultura sono importantissimi per il morale e la salute mentale delle persone.

Front of House in Museums

A joint statement from FoHMuseums, Fair Museum Jobs and Museum Wellness

We urge museums and their associated organisations to give their unanimous support to the entire museum workforce at this critical time to ensure the long-term health and security of those working in museums.

We encourage museums to give their full support to their workers to ensure their risk to exposure is limited and the effects associated with actions to minimise the spread of Covid-19 are not contributing to the increased vulnerability of their livelihoods.

Not all museum workers are able to work from home, including those working in front facing roles this includes roles associated with keeping museums open to the public such as operations who are more important than ever to minimising the risk of contamination and maintaining the cleanliness of museums. FoH are exposed to the public and are less likely to be able to “work from…

View original post 303 more words

Cappella Sistina, in mostra gli arazzi degli Atti degli Apostoli di Raffaello — Uozzart

In occasione delle celebrazioni per il V centenario della morte di Raffaello, sino al 23 febbraio 2020 la Cappella Sistina sarà magnificamente adorna dei preziosi arazzi degli Atti degli Apostoli realizzati su cartoni di Raffaello In occasione delle celebrazioni per il V centenario della morte di Raffaello Sanzio (Urbino 1483-Roma 1520), sino al 23 febbraio…

via Cappella Sistina, in mostra gli arazzi degli Atti degli Apostoli di Raffaello — Uozzart

Sfida all’ultimo museo…

Il secondo proposito per l’anno nuovo è visitare alcuni dei musei di Londra in cui non ho ancora messo piede, una sfida notevole visto che se vogliamo credere a Wikipedia, nell’intera area della Greater London ce ne sono circa 250 tra grandi, meno grandi, piccoli e minuscoli, pubblici e privati. So già che fallirò miseramente ma vale la pena provare…

La lista completa (o quasi) dei musei di Londra la trovate qui  😁