AL Barbican la Gran Bretagna raccontata dai fotografi internazionali

Ci sono molte ragioni per cui amo la fotografia, ma quella principale è che ha il potere di fermare il tempo. Io stessa sono un’entusiasta fotografa, anche se all’ingombro della DLSR preferisco una piccola Canon che sta in una mano e che viene con me ovunque nel caso ci sia un attimo di interessante, uno di quei “momenti decisivi” per dirla alla Cartier-Bresson, di cui voglio appropriarmi. Che per me la fotografia è fotogiornalismo, ritrattistica, natura o travel photography, insomma un mezzo per documentare la realtà.

Per questo non vedevo l’ora di visitare la mostra fotografica della Barbican Art Gallery: perché sapevo che avrei trovato tutto quello che mi piace di questa tecnica. Curata dal Martin Parr, Strange and Familiar: Britain as Revealed by International Photographers fa esattamente quello che dice di fare: racconta gli ultimi novant’anni di storia sociale britannica vista attraverso l’obbiettivo di 23 fotografi internazionali.

E ci tengo a sottolineare questa non-britannicità dei fotografi proprio perché la grande maggioranza dei soggetti immortalati mostrano persone di ogni classe sociale, età e razza impegnate in azioni di ogni tipo – da quelle importanti come manifestare contro la guerra, a quelle più banali come aspettare la metropolitana. Inutile dire che non mancano le eccentricita’  di vario tipo – una cosa in cui gli inglesi riescono benissimo anche adesso.

Henri Cartier-Bresson – Coronation of King George VI, Trafalgar Square, London, 12 May 1937 © Henri Cartier-Bresson / Magnum Photos

Henri Cartier-Bresson – Coronation of King George VI, Trafalgar Square, London, 12 May 1937 © Henri Cartier-Bresson / Magnum Photos

E se tra i fotografi in questione c’era chi era più interessato all’aspetto sociale degli inglesi, chi alla vita dei minatori gallesi e agli slum dell’East End di Londra, i più sembrano essere affascinati dagli stereotipi che ancora adesso affascinano i turisti – autobus double decker avvolti dalla foschia del mattino, minigonne e hippies, lavoratori della City in bombetta e ombrello, famiglie che prendevano il tè (quando ancora il tè era un rito da rispettare) al bordo i una strada armati di tavolo e sedie da campeggio, bobbies e cappelli a cilindro.

bruce-davidson-london-1960-girl-holding-kitten

Girl holding a kitten. 1960. Photograph by Bruce Davidson/Magnum Photos

Ci sono nomi che conosco bene, come il mitico francese Henri Cartier-Bresson (1908-2004) o gli americani Paul Strand (1890-1976) e Bruce Davidson (b.1933) , altri che riconosco come l’americano Robert Frank (b.1924) e l’olandese Cas Oorthuys (1908-75) altri che non avevo mai sentito prima d’ora come il nostro Gian Butturini (b.1935) che visita Londra negli anni Sessanta e fotografa la Swinging London. E devo dire che dopo la carrellata di cieli grigi, povertà e sconforto come quelli della fotografa tedesca Edith Tudor-Hart (1908-73), è un sollievo vedere un gruppo i persone che si stanno divertendo un mondo…

london-by-gian-butturini-11jpg-900x600

London, Gian Butturini

La sala finale della mostra è dedicata a un video che in realtà è una presentazione silenziosa di centinaia di foto a colori scattate nel centro commerciale Bullring di Birmingham dal fotografo olandese Hans Ejkkelboom (b.1949). Ha organizzato le immagini in griglie e sequenze in base alle similarità degli abiti, colore, forma, taglio, i marchi, modelli di ciò che le persone indossano così via Il commento dice che è ‘mettere in discussione la costruzione dell’identità e autorappresentazionè, il che significa lui sta sottolineando che un gran numero di persone che con affetto si immaginano di essere individui mentre indossano la stessa roba prodotta in serie. La presentazione è inquietante e ipnotica un finale appropriato per un’esposizione stupefacente.

 

Londra// fino al 19 Giugno 2016

Strange and Familiar: Britain as Revealed by International Photographers

barbican.org.uk

 

Annunci

Another London: International Phothographers Capture City Life 1930-80

Dopo settimane di apnea lavorativa, finalmente un giorno libero da dedicare alla mio passatempo preferito: andare in giro per mostre. Che questa Londra olimpica abbonda se possibile ancora di più di mostre, eventi, conferenze etc etc etc, e non c’è niente di più frustrante che avere i denti (l’entrata libera) e non avere il pane (il tempo) per vederle.
Another London: International Phothographers Capture City Life 1930-80 a Tate Britain è uno show che sembra stato allestito pensando ai turisti: ci sono i bobbies, gli autobus a due piani, il Big Ben, le guardie della regina con il berrettone d’orso e naturalmente la nebbia. Non mancano neppure i monelli dell’East End e i gentlemen della City con l’ombrello e la bombetta. Che ieri come oggi Londra è una città che affascina e stimola l’occhio e la curiosità, con la sua diversità culturale, la sua multienicità e le sue tipologie sociali.
Queen's Guard Marching, 1960. Photograph by Bruce Davidson/Magnum Photos

Queen’s Guard Marching, 1960. Photograph by Bruce Davidson/Magnum Photos

Circa centocinquanta fotografie in bianco e nero, ma è il grigio che predomina, quello della nebbia e dello smog: non c’è quasi mai il sole in quelle foto. Ma lo smog, anche se faceva tanto male ai polmoni creava davvero un’atmosfera superbamente misteriosa.

Felix Man, '10 years ago, Victory Day, The lights go up in London 1945

Felix Man, ’10 years ago, Victory Day, The lights go up in London 1945

Che si tratti del normale turista odierno, o di fotografi del calibro di Cartier-Bresson,Robert Frank o Bill Brandt, il comune denominatore è che tutti vengono da fuori. Sono giornalisti, turisti, immigranti, rifugiati. Molti se ne vanno una volta finito l’incarico, altri come Emil Otto Hoppé restano e diventano cittadini britannici.
Petticoat Lane Market, East End, London 1960s by Dorothy Bohm

Petticoat Lane Market, East End, London 1960s by Dorothy Bohm

Ma la mia preferita è questa forto di Bruce Davidson. Bellissima e struggente, rappresenta quello che Londra è per tanti: un posto di passaggio.
bruce-davidson-london-1960-girl-holding-kitten

Girl holding a kitten. 1960. Photograph by Bruce Davidson/Magnum Photos

Londra//fino al 16 Settembre 2012Tate Britain,
Millbank, London SW1P 4RG.
Orario d’apertura: tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.50 (ultima ammissione ore 17.00); fino alle 22.00 il venerdì.
Ingresso: £10.
Catalogo £ 16.99

Info: Tel. +44 (0)207887 8888
www.tate.org.uk/britain/