Bassa Marea di Enrico Franceschini

“Un mare liscio come l’olio.

È un luogo comune, ma rende l’idea. Alle cinque del mattino, l’Adriatico è un liquido immobile disteso lungo il litorale. Non un’increspatura agita l’orizzonte. Tutto è fermo: acqua, cielo, spiaggia.”

L’Adriatico la mattina presto, quando cielo e mare sembrano fondersi l’uno con l’altra, e la spiaggia si srotola ai loro piedi per km come un morbido, immacolato tappeto setoso. Ombrelloni ancora chiusi, bagnini con retini da pesca e rastrelli intenti a pescare mozziconi di sigaretta dalla sabbia, pettinandola amorevolmente come se non fosse destinata da li’ a poco ad essere calpestata dalla massa di bagnanti portati dal nuovo giorno.

Ho trascorso le mie prime 18 estati a Rivazzurra di Rimini, con un breve intervallo a Lido di Classe (si cambia provincia, ma sempre Romagna resta) e so esattamente di cosa parla Enrico Franceschini in Bassa Marea. E per me la gioia di questo romanzo giallo-umoristico non è dovuto solo all’intreccio (non troppo complicato eproprio per questo cosi plausibile) e alla simpatia dei personaggi della storia, quattro goliardi sessantenni dall’ironia tagliente e dall’umorismo grossolano (a metà tra Amici Miei e i vecchietti del Bar Lume, con un tocco di Raul Casadei), ma dal luogo in cui si svolge, la Romagna dei mei ricordi.

Andrea Muratori detto Mura, bolognese di origine con una lunga carriera giornalistica alle spalle come inviato giramondo, si ritrova “giovane” sessantenne (che i sessanta sono i nuovi quaranta, no?) pensionato anzitempo a Bagnomarina, la località marittima dove per anni ha trascorso la villeggiatura, e che sente più sua della sua Bologna. Ha pochi soldi in tasca e vive in un capanno di pescatori che si affaccia sul mare e sarebbe in pace con se stesso e con il mondo il Mura, se il destino non avesse deciso di metterci lo zampino facendogli trovare, una mattina presto durante la “corsetta” di routine sulla spiaggia deserta, invece delle solite conchiglie, il corpo di una donna più morta che viva che si rivelerà essere l’enigmatica russa Sasha.

Nel tentativo di aiutare Sasha a ritrovare la figlia, Mura si imbatte nel lato oscuro della Romagna dove non tutto è sfavillante divertimento, ma dove clan di calabresi trafficano schiave del sesso, e immigrati cinesi spacciano erba sotto la finestra dell’ottantenne ex-maestra del paese. Ad aiutarlo nella sua goffa indagine, i suoi i suoi tre amici d’infanzia, tre come i Moschettieri (che in realtà erano quattro…), tre ex-ragazzi come lui e come lui determinati a non prendere la vita troppo seriamente, uno per tutti e tutti per uno. Perfetto per chi ama il giallo tinto di commedia con un tocco dolce-amaro di malinconia.

20191228_212244

To Brexit or not To Brexit: that is the question…

…tanto per rimanere in tema shakespiriano, vista la natura del mio ultimo post sul Bardo. Ma davvero quanto sta accadendo in questo momento alla politica britannica su quanto riguarda la questione della Brexit fa sembrare Amleto e i suoi dubbi roba da principianti. Che sono passati 774 giorni (più o meno, la matematica non è  mai stata il mio forte…) da quando la Gran Bretagna ha votato per la Brexit e nessuno sembra sapere che pesci pigliare.

Nonostante la sua inettitudine, Theresa May è ancorata alla poltrona di Primo Ministro come un’ostrica allo scoglio mentre tutti i membri del Governi litigano con tutti. Da parte sua, l’ex Segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth (e un tempo sindaco di Londra) Boris Johnson che evidentemente si è auto-eletto equivalente britannico del nostro emerito Silvio Berlusconi, per non essere da meno del leggendario Cavaliere, si è messo d’impegno ad offendere quanta più gente possibile a destra e a sinistra, fuori e dentro dall’Europa. E intanto il tempo stringe (che ci sono solo poco più di sei mesi al fatidico giorno quando la Gran Bretagna tornerà a tutti gli effetti ad essere un’isola e lascierà l’UE) e il governo britannico continua a non avere una politica doganale. Andiamo bene. Esattamente quello che ci vuole a rassicurare noi cittadini europei residenti in UK (soprattutto se un po’ nevrotici come la sottoscritta), che da due anni ci siamo ritrovati a vivere in un limbo di sapore dantesco…

La conferma infatti che Permanent Residence Card verrà sostituito un non ancora ben definito settled status non mi rassicura affatto, anche perchè questo ancora fumoso nuovo stato giuridico non solo non mi garantisce gli stessi diritti della cittadinanza (come il votare alle elezioni politiche), ma mi potrebbe privare di alcuni dei diritti goduti fin’ora dai cittadini dell’UE, come la libera circolazione per esempio.

Come scrive Enrico Franceschini sul suo blog My Tube sul quotidiano La Repubblica,

“A suscitare non pochi timori, però, sempre secondo quanto si legge nel documento, ci sarebbe che il fatto che il settled status previsto per gli europei in UK, presupponga, tra l’altro, unicamente un sistema di registrazione digitale, e dunque non preveda il rilascio di un documento d’identità “fisico” – come invece avviene nel resto d’Europa – e questo potrebbe rappresentare un problema per i controlli necessari ad esempio da parte di datori di lavoro o padroni di casa, nonché rendere il sistema più vulnerabile alle frodi.”

C’è di che stare tranquilli insomma. :/

image courtesy Free Clip Arts
image courtesy Free Clip Arts

#BrexitShambles

2018 ©Paola Cacciari

Le indecisoni di “Theresa Maybe”

L’Economist non è certo ciò che si potrebbe definire una rivista di sinistra. Insieme al Financial Times è una delle due testate più autorevoli della Gran Bretagna, nonchè da sempre voce di quell’establishment liberale a cui i Conservatori dicono di appartenere. Ma la prima copertina dell’anno, dedicata ai primi sei mesi al potere di Theresa May è davvero poco lusinghiera e definisce ciò che la premier ha fatto fin qui, deludente. Il titolo che la condanna gioca sulla similitudine del suo cognome (May) e la parola inglese per ‘forse’ (maybe). E nel caso il gioco di parole non fosse chiaro, il giornale si affretta a spiegare il perchè nel sottotitolo con un lapidario “l’indecisa premier britannica”.

586e69931200002d00ad5bd2

Inutile dire che l’accusa è fondata. La May si è autoimposta una scadenza, un Marzo 2017 che si avvicina a velocita sostenuta, per far scattare l’Articolo 50 e uscire così dal’Unione Europea. Un tempo questo, entro il quale dovrebbe risolvere o quantomeno chiarire a tutti, Brexiteers e non (e magari anche a noi immigrati extra-communitari in fervida attesa che si decida finalmente del nostro futuro…) la sua strategia su Brexit. Ma a a parte qualche debole occasionale guaito, come il solito slogan ormai trito e ritrito “Brexit significa Brexit”, fin’ora non si sono fatti progressi di nessun tipo. Ora non si parla neanche più di un “hard” o di un “soft” Brexit (neanche si trattasse di uova sode…), ma di un “red, white and blue Brexit” i colori della Union Jack, la bandiera britannica e che nelle parole della stessa May stanno a significare l’accordo giusto per il Regno Unito con l’Unione europea, in opposizione al “grey Brexit”, il “Brexit grigio”, auspicato dal Ministro del Tesoro Philip Hammond che vorrebbe lasciare il mercato unico, ma mantenere un accesso limitato per quanto riguarda il libero scambio, con limitazioni in materia di immigrazione a parte agli immigrati qualificati in settori specifici. Tale compromesso sarebbe una via di mezzo tra lo scenario apocalittico del “black Brexit voluto da alcuni radicali, che vuole l’uscita completa e totale del Regno Unito dall’Unione europea senza nessun accordo, e un “white Brexit”, il Brexit bianco dei moderati che vedrebbe invece un tentativo dell’Inghilterra di rimanere nel mercato unico. Certo se Theresa May aspetta ancora un po’, finirà con il perdere per strada molti dei suoi collaboratori: gia’ è successo con l’ambasciatore britannico a Bruxelles, sir Ivan Rogers che, davanti alla mancanza di una chiara direzione (o perlomeno di una direzione, anche se non molto chiara…) da parte del Governo britannico sul negoziato con la Ue, ha perso la pazienza e si è dimesso. Difficile biasimarlo…

Sta di fatto che dopo sei mesi al governo, la Premier è ancora incerta e non solo sulla direzione da prendere con Brexit, ma pare anche sulla politica economica da dare al proprio paese. Il suo è un dilemma amletico: mantenere l’appoggio delle banche e della City e rischare di perdere i voti del popolo dell’Ukip che vogliono il divorzio completo, o ascoltare quelli che di fatto hanno votato per lei e  rischiare di fare davvero arrabbiare la City con conseguenze economiche potenzialmente drammatiche? Sta di fatto che non c’è bisogno di essere di sinistra o di destra per accorgersi che l’incertezza economica è deleteria per l’economia. E come dice il mio espatriato preferito, il giornalista Enrico Franceschini nel suo blog My Tube,Theresa Maybe potrebbe diventare il suo soprannome e il suo epitaffio politico.”

 

Dalla Brexit britannica alla “Brexit plus” americana. Enrico Franceschini

Dopo quello di Brexit, un’altro brutto risveglio quello di ieri, che ha confermato che Donald Trump sara’ il futuro inquilino della Casa Bianca. Enrico Franceschini, l’inviato di Repubblica a Londra, ma che per molti anni ha vissuto anche negli Stati Uniti, ci ha scritto un post sul suo blog My Tube. Non ho la forza di raccogliere le idee e scrivere qualcosa di mio, per cui ve lo riporto qui, pari pari. Buona lettura.

“Donald Trump l’aveva previsto nel suo ultimo comizio (come segnalato nel mio blog di ieri): le presidenziali americane avrebbero avuto come risultato una “Brexit plus plus plus”, una Brexit all’ennesima  potenza, una sorpresa ancora più grande di quella del referendum del giugno scorso con cui la Gran Bretagna ha deciso di uscire dall’Unione Europea. Ci sono certamente differenze tra i due eventi, ma anche importanti somiglianze.

Da un lato, un diffuso scontento economico: come scrive Martin Wolf sul Financial Times di oggi, il crescente gap ricchi-poveri e il calo del reddito medio delle famiglie (sceso negli Usa in termini reali ai livelli precedenti il 2000) sono fra le ragioni di un voto di protesta contro l’establishment che accomuna Stati Uniti e Regno Unito (e che vale anche per altri paesi in procinto di votare nei prossimi mesi, Italia, Francia, Germania).

Ma l’economia non spiega tutto, come Jonathan Freedland nota stamane sul Guardian:  Trump ha vinto il 63 per cento dei voti fra gli uomini bianchi e il 52 per cento fra le donne bianche. Non tutti questi cittadini bianchi possono essere vittime di un declino economico. Molti di essi, scrive Freedland, sono stati attirati da un messaggio che in parte e in codice prometteva di restaurare il privilegio bianco. Un desiderio di rivincita probabilmente accentuato negli Usa dalla presenza alla Casa Bianca per 8 anni del primo presidente nero della storia. Ma un desiderio presente anche altrove in Occidente di fronte allo sviluppo di un modello di società multietnica, multiculturale e globalizzata.

La Brexit britannica, come la “Brexit plus” americana, come analoghi movimenti anti-establishment, anti-globalizzazione, anti modello di capitalismo democratico liberale, sono un rifiuto del multiculturalismo: un “fermate il mondo, voglio scendere”, per ritornare a un presunto mondo migliore, più tradizionale e sicuro, del passato. Se qualcosa si può fare, anzi si deve fare, per rispondere allo scontento economico (riducendo il gap ricchi-poveri, aiutando la classe media a recuperare ottimismo e capacità d’acquisto, chiudendo i privilegi fiscali delle multinazionali e le speculazioni fini a se stesse della finanza), non si può invece fermare il mondo per riportarlo a un arcaico passato monoculturale. Farlo o tentare di farlo è altamente pericoloso. Chi continua a credere nel modello democratico liberale, nei mercati senza frontiere, nella globalizzazione, dovrà ora difendere ostinatamente il multiculturalismo dalle sirene del nazionalismo populista.”

 

Ora è l’estate del nostro scontento

Now is the winter of our discontent, made glorious summer by this sun of York” proclama un cupo Benedict Cumberbatch nei panni di Riccardo III nella serie televisiva The Hollow Crown. È stato trasmesso solo due mesi fa dalla BBC per celebrare i 400 anni della morte di Shakespeare, ma sembra un’altra vita. Forse perché lo era.  Ma “l’inverno del nostro scontento” di Shakespeare invece di mutarsi nella splendida estate auspicata da Riccardo di Gloucester, si sta rivelando essere una vera e propria “estate del nostro scontento”, il cui già timido sole è stato in sole due settimane completamente offuscato dal post-Brexit.
Il mio blog si chiama Vita da Museo perché questo è quello che faccio per lavoro (lavorare in un museo) ed è quello che mi piace fare nel mio tempo libero (andare per ALTRI musei). La rubrica di attualità varia ed eventuale che ho battezzato Life in UK doveva essere un’occasionale sguardo sul mondo che mi circonda, una finestra aperta sulla società (quella britannica) e sulla città (Londra) in cui vivo da quasi un paio di decadi. Per cui mi scuso con chi mi legge se insito sul fattore Brexit, ma con la politica britannica, di solito così sonnolenta, in caduta libera tutto il resto, incluso il Bardo e i musei sono passati in secondo piano.

Le conseguenza di Brexit poi mi toccano in prima persona, se non altro per la posizione ambigua assunta da Theresa May, ministro degli Interni proprio oggi eletta leader dei conservatori e prossimo Primo Ministro al posto di David Cameron, nei riguardi dei circa tre milioni di cittadini europei residenti in Gran Bretagna. La May infatti si ostina a non fare nessuna promessa formale sul fatto che i diritti di noi europei (mi ci metto in mezzo anch’io) non saranno alterati e che potremo restare nel Regno Unito a tempo indeterminato. E se è chiaro che il temporeggiamento della May è tattico, ovvero ottenere analoghe garanzie per il milione e mezzo di cittadini britannici residenti negli altri 27 paesi della UE, vivere in questa terra di nessuno che è la Gran Bretagna dell’estate del 2016 non è piacevole.

Home Secretary Theresa May Getty
Home Secretary Theresa May Getty

Ma la vita continua e il primo segnale che il peggio dello shock è passato è l’improvviso ritorno tra amici e colleghi, soprattutto britannici, del senso dell’umorismo – e con esso la constatazione (ma sarebbe meglio dire assegnazione) he alla fine non ci sarà un secondo referendum sull’Unione Europea, nonostante una petizone che circolava online abbia raccolto più di 4 milioni e 100 mila firme visto che la legge sul referendum non stabilisce una percentuale minima per l’approvazione, quindi la richiesta avanzata dalla petizione non può essere accolta.

La cosa più assurda che uno alla volta sono spariti tutti i fautori di questo casino, neanche fossimo in un surreale rifacimento di Dieci piccoli indiani di Agatha Chistie. Il primo a scomparire è stato David Cameron, dimessosi immediatamente dopo la vittoria di Brexit; poi è stata la volta di Boris Johnson, ritiratosi dopo l’infame “tradimento” di Michael Gove, dapprima suo socio nella missione Brexit poi pugnalatore fratricida degno di un dramma shakespiriano (“Et tu, Brute?” gli avrebbe fatto dire il Bardo in Giulio Cesare…). E infine Nigel Farage che, compiuta la sua missione di fare saltare in aria la Gran Bretagna, ha deciso di lavarsene le mani come Pilato e di prendersi un “meritato riposo visto che ora non c’è più bisogno di lui.” Quello del riordinare questo pasticcio e rimettere insieme i cocci di un’intera nazione, sarà il compito di Theresa May.

Michael Gove and Boris Johnson

Sembra una battaglia navale scrive Enrico Franceschini nel suo blog My Tube, o “Tre uomini in barca – per tacere del quarto, Jeremy Corbyn, che in nome di non si sa quale ideologia di sinistra non ha fatto niente per fermare Brexit e ora non ne sembra nemmeno tanto dispiaciuto, ma potrebbe presto a sua volta dimettersi.” Ci sarebbe da ridere se non fosse che ad affondare non è una barchetta qualsiasi, ma l’ammiraglia del Regno Unito. Michael Heseltine, membro del parlamento dal 1966 al 2001 e figura di spicco nei governi di Margaret Thatcher e John Major è spietato nella sua condanna di Boris Johnson che accusa di aver fatto a pezzi il partito conservatore e di aver creato la più grande crisi costituzionale in tempo di pace degli ultimi tempi. Per non parlare della svalutazione che della sterlina il cui valore non era cosi basso dal 1985. Boris Johnson, continua Lord Heseltine, si è comportato come un generale che marcia con il suo esercito, ma che quando vede il campo di battaglia lo abbandona. La metafora sembra appropriata.

E mentre metà della nazione cerca di farsi una ragione del fatto di essersi addormentata in un Paese e di essersi svegliati in un altro, l’altra metà – quella che ha creduto alle balle di Boris, Gove e Farage e ha votato Brexit, resta senza leader sul campo di battaglia, abbandonata ad una Scozia infuriata che minaccia la seccessione. Spero vivamente che tutte queste persone si stiano chiedendo se per caso non abbiano fatto una cazzata a votare Leave. Come ha scritto un mio amico bolognese sul suo profilo FB: “Dopo la “tragedia greca”, “la commedia all’italiana”… è arrivata la farsa all’inglese!”

Nigel-Farage
Nigel Farage

Should they Stay or Should they Go? L’Inghilterra di Brexit

La notizia della morte della parlamentare Laburista Jo Cox, uccisa a Leeds da un fanatico di estrema destra pro-Brexit mi coglie a Bologna da mio padre. Sono giorni pigri questi, trascorsi ad assistere il babbo che ha subito un piccolo intervento chirurgico e l’Inghilterra è un po’ più lontana del solito, come sempre accade quando mi fermo in Italia più a lungo dei miei soliti cinque giorni rituali. Forse è anche per questo che la notizia di questa morte violenta mi prende un po’ alla sprovvista.  E mi rattrista profondamente.

Ansa Non perché la conoscessi di fama (anche ne ho sentito il nome non lo ricordo) o perché era giovane, carina, madre di due figli e piena di ideali, ma perché è accaduta in quello che fino a poco tempo fa è sempre stato un esempio di tolleranza e civiltà come l’Inghilterra. E in questa nuova Inghilterra xenofoba e intollerante stento a riconoscere il paese in cui sono arrivata quasi vent’anni fa. Mai come ora la Cool Britannia sognata da Tony Blair non esiste più.

Le crisi, si sa, portano con sé xenofobia e intolleranza. E l’Inghilterra di oggi è un Paese in crisi d’identità. Forse non a Londra che, popolata di stranieri che vanno e vengono come in un porto di mare, ha persino eletto un sindaco mussulmano di origine pakistana in un momento in cui la caccia alle streghe portata dalla paura dell’IS è al massimo.  Ma Londra non è Inghilterra, è un universo parallelo che se affascina gli stranieri che accorrono sulle rive del Tamigi, poco rispecchia del resto del Paese. Paese che si sente sempre meno: meno europeo, mano tollerante e soprattutto, meno inglese. Ecco a voi le premesse per il Referedum per l’uscita (o meno) dall’Unione Europea che si terrà il prossimo 23 Giugno, il cosiddetto Brexit. Una data storica che sta causando panico nel mondo della finanza e non solo. Io confesso che sono preoccupata, anche se pare che per i residenti provenienti da stati membri della UE che vivono, lavorano e pagano le tasse in Inghilterra non cambierà quasi niente: probabilmente si dovrà ottenere in futuro un permesso di residenza permanente (Permanent residence card) ottenibile dopo aver vissuto almeno cinque anni in Gran Bretagna e mostrando il contratto di lavoro, mentre chi vorrà venire per all’avventura come ho fatto io tanti anni fa, dovrà prima avere un lavoro.  E proprio la questione Brexit è stata la causa dell’omicidio della deputata Cox. Da mesi l’opinione pubblica è in preda a campagne sempre più feroci su cosa potrebbe capitare al Paese se la Gran Bretagna abbandonasse l’Unione Europea o se, al contrario, dovesse rimanere. Un vero e proprio terrorismo psicologico che nelle ultime settimane ha raggiunto toni a dir poco apocalittici da ambo le parti, tanto che il Primo Ministro David Cameron è arrivato addirittura a parlare di Terza Guerra Mondiale!

A St George's flag with the words 'KEEP OUT'

Io vivo a Londra da 17 anni e mai mi è capitato di assistere ad un evento come un omicidio politico.  Non è un caso che negli ultimi anni il partito xenofobo guidato da Nigel Farage, lo UKIP (United Kingdom Independence Party), da gruppetto di fanatici malvestiti ridicolizzato dai media è diventato una realtà politica con cui gli altri partiti misurarsi. “He’s a buffoon” afferma lapidario la mia dolce metà, senza neanche alzare gli occhi dal cruciverba: “Nobody will take him seriously” conclude con anglosassone certezza. Ma io che vengo da un Paese che ha visto Berlusconi al potere per circa diciotto anni, non li prendo più sottogamba questi buffoni. In fondo, a guardarlo, nessuno avrebbe mai pensato che uno stecchino nevrotico come Hitler avrebbe mai fatto ciò che ha fatto.

“Ma perché vogliono uscire?” mi chiede ieri sera al telefono mio cugino. “Cosa pensa la gente? Cosa pensano DAVVERO?” E’ curioso, ma per le ragioni di cui la stampa in genere non si occupa. Parla diverse lingue, è abituato a vivere con la valigia in mano per lavoro, ha una moglie norvegese e un figlio perfettamente bilingue: mio cugino è la quintessenza dell’Unione Europea.  E come lui lo sono molti altri, dagli imprenditori che vogliono restare nella Ue per non perdere l’accesso al mercato unico (anche se magari con meno burocrazia e più riforme) ai giovani britannici e al ceto medio di centro-sinistra, che chiedono a gran voce di restare. Al contrario, la destra conservatrice e gli appartenenti alle classi sociali più basse e disagiate e culturalmente meno educate sono per l’uscita. What a surprise.

La xenofobia non è una novità, è sempre esistita, ma mai come in tempi come questi, di incertezza economica, il nuovo e il diverso fanno paura. Anche in Inghilterra. Una paura che fa dello straniero, immigrato o no, il capro espiatorio per eccellenza, il nemico, la causa di ogni male. Una cosa che noi italiani dovremmo sapere bene, anche solo perchè noi stessi siamo stati per secoli un paese di emigrati, una cosa questa che molte persone, inclusi i politici della Lega Nord, sembra aver opportunamente dimenticato.

Anche nella civilissima Inghilterra la gente ha paura, si sente fragile, vulnerabile. Gli inglesi vogliono tornare ad essere un’isola, nonostante il tunnel sotto la Manica che in un paio d’ore ti porta da Londra a Parigi. In fondo le loro coste sono sempre state la loro migliore difesa contro le invasioni nemiche. Ma le cose stanno cambiando e laddove a nulla poterono neppure Napoleone e Hitler poterono nulla, stanno riuscendo le gangs di scafisti senza scrupoli che hanno spostato il loro businnes di scafisti dal Mediterraneo al Canale della Manica che trasportano frotte di disperati dal campo migranti di Calais sulle spiagge del Kent per avviarli ad una brillante carriera di crimine e prostituzione: la prima invasione per mare dai tempi di  Guglielmo il Conquistatore nel 1066. E tra coloro che diventeranno migranti “legali” avranno poi diritto all’assistenza sanitaria che in Inghilterra funzionerà anche male (tema che ho affrontato in un altro post…), ma è comunque gratuita e a sussidi vari e vari assegni famigliari, i cosidetti benefits, che Cameron ha cercato di difendere dall’assalto degli immigrati durante i vari meeting europeisti con la Merkel nel tentativo di placare una furiosa opinione pubblica e scongiurare così il referendum) e a cui tutti, cittadini britannici e nuovi arrivati, hanno diritto.

Calais

L’ansia provocata dal flusso incontrollato di migranti – un flusso iniziato già dagli anni Novanta quando i paesi dell’Est come l’Ungheria, la Polonia, l’Estonia, la Repubblica Ceca e la Slovenia cominciarono ad arrivare in massa, e ulteriormente esacerbato nel 2015 dall’arrivo incontrollato di rumeni e bulgari quando le restrizioni di circolazione per i cittadini di Romania e la Bulgaria sono decadute. Nessuno parla però degli spagnoli, a Londra numerossissimi, e di noi italiani che dal 2008 in poi abbiamo preso d’assalto la terra del fish and chips e ci siamo moltiplicati, tanto che spesso mi capita di passeggiare per strada a Londra e di sentire più italiano che inglese. “They are everywhere…” scherza con affetto la mia dolce metà strizzandomi l’occhio al supermercato davanti all’ennesima famiglia di londinesi-italiani. L’inviato a Londra di Repubblica, il giornalista Enrico Franceschini che da anni risiede nella Capitale Britannica, ci ha pure scritto un libro sopra opportunamente chiamato Londra Italia in cui racconta le storie degli italiani di Londra del perché ci vengono. Ricordo con una certa nostalgia il lontano 2003, quando ho iniziato la mia avventura lavorativa al museo e nel mio dipartimento eravamo solo in tre figli del Belpaese ed ora, a dodici anni di distanza, siamo almeno quadruplicati. Inutile dire che ho smesso molto tempo fa di sentirmi esotica… 😉

David Cameron con degli studenti in occasione del referendum sulla futura adesione della Gran Bretagna alla EU

Quest’Inghilterra sempre più europea dove il consumo di caffè ha battuto quello del te nelle bevande predilette dagli inglesi, dove non ci si può più scambiare gli auguri di Natale senza rischiare di fare torto a qualcuno, dove l’aceto balsamico si trova ovunque e dove Londra (e non solo) è diventata una delle grandi capitali culinarie del mondo smentendo di fatto tutti i miti che dicono che in Inghilterra si mangia male, sta perdendo la propria identità. E ci si sorprende che gli inglesi, conservatori per natura, vogliano uscire?

Cool Britannia? No more.

Tra il personale temporaneo e non del Museo, ci sono numerosi stranieri. Molti italiani e diversi spagnoli, qualche portoghese: arrivati da paesi in crisi, questi giovanotti/e sono pronti ad iniziare una nuova life in the UK e a conquistare con le loro qualifiche e il loro entusiasmo il mondo dell’arte. Sono tutti super-qualificati, come il 98% di noi altri che siamo lì da anni e che ci siamo rassegnati al fatto che fare “il salto” dall’aver cura delle opere d’arte nelle sale del museo (proteggendole “dall’entusiasmo” di un certo tipo di pubblico come facciamo noi gallery assistant) a curare le mostre, non è poi così facile. Anzi, è una strada quasi impossibile per chi deve guadagnarsi da vivere e non ha la possibilità di imbarcarsi per mesi in stages non retribuiti. Ancora non sanno che il mondo dell’arte è lo stesso ovunque e che, gira e rigira, a parte poche eccezioni non importa chi sei, ma chi conosci. E non ho il cuore di dirgli che ora, anche qui a Londra, pare non ci sia davvero più nulla da conquistare. Non mi crederebbero.

Jamie Oliver backs Britain. Photograph: VisitBritain
Jamie Oliver backs Britain. Photograph: VisitBritain

Lo hanno ammesso anche i quotidiani inglesi. Lo ha scritto anche Enrico Franceschini su la Repubblica di un paio di anni fa. L’Inghilterra (anche se sarebbe meglio chiarlama Gran Bretagna) non è più il Paese di Bengodi. Forse tra pochi mesi con il referendum per l’indipendenza della Scozia che incombe, non si chiamerà neppure più Gran Bretagna. Chissà .
E la cosa più sconcertante non è tanto il cambiamento, ma la sua rapidità. La Cool Britannia, quella di Tony Blair, degli Oasis e delle Spice Girls, quella delle teiere con la Union Jack non esiste più: l’economia è implosa, a Blair si è sostituito David Cameron e con lui i conservatori hanno inaugurato l’era dell’austerity. Certo Londra va ancora di moda tra gli adolescenti (e non solo) in cerca di fortuna o di se stessi: basta fare come i miei nuovi colleghi del museo e chiudere gli occhi davanti all’evidenza e vedere quello che si vuole vedere. Ma per me è davvero inquietante vedere come in soli quindici anni questo Paese si sia trasformato. E non in meglio.

‘We are all in this togheter‘ ha detto Cameron agli elettori quando è diventato Primo Ministro nel Maggio del 2010: ci siamo dentro tutti insieme. Ma ovviamente non è vero. Che come al solito “in questo” ci sono dentro solo i ceti medio-bassi, che anche qui come in Italia, la crisi non è certo un problema dei ricchi. Se poi i ricchi sono i ricconi d’importazione, i miliardari russi, arabi e indiani etc etc, che comprano i palazzi di vari milioni (di sterline) in Kensington e portano il cane a fare il pedicure da Harrods, allora poi il fenomeno non sussiste, che tanto loro i soldi per comprarsi palazzi e squadre di calcio in Chelsea ce li avranno sempre.
Colpa di Tony Blair che ha portato il trend di coccolare i ricchi forestieri iniziato da Margaret Thatcher, a livelli di perfezione mai visti prima, indipendentemente da chi fossero e di che colore avessero l’anima o la fedina penale, dato che persino Pinochet è stato qui a riprendersi dopo un operazione, coccolato e riverito come se nulla fosse. Uh! D’altra parte, non ci si poteva aspettare altro da uno che passa le vacanze in sardegna con Berlusconi.
August 2004: the then British prime minister, Tony Blair, and his wife, Cherie, with Berlusconi at his villa in Porto Cervo, Sardinia. Photograph: Davide Caglio/EPA
August 2004: the then British prime minister, Tony Blair, and his wife, Cherie, with Berlusconi at his villa in Porto Cervo, Sardinia. Photograph: Davide Caglio/EPA
Il risultato è che ora più che mai ci sono due londre: quella di pochi ricchissimi locali e dei miliardari russi e arabi – e quella (sempre più grande) di tutti gli altri, quelli che i ricconi li possono solo guardare da lontano. E non parlo metaforicamente: la crescita selvaggia degli affitti sta costringendo persone e negozi a gestione famigliare ad abbandonare il centro di Londra, che sta lentamente morendo. La gente che lavora nel settore terziario non è pagata abbastanza per vivere in città.
E se prima si aveva la sensazione che questa fosse una città dove tutto era possible, ora persino il forestiero intossicato dalla varietà di lingue e culture, se si ferma un po’ più a lungo del solito week-end, finisce con il percepire presto la ricchezza di pochi e la sempre piu’ evidente non-ricchezza dei più. La disoccupazione è a livelli mai visti prima (nonostante il ministro delle finanze George Osborne continui a dire che l’economia è in ripresa) e con essa è cresciuto anche il razzismo e la xenofobia. Perchè quando non c’è lavoro la colpa è sempre degli immigrati e ne sappiamo qualcosa in Italia con le esuberanti dichiarazioni della Lega…
E se prima erano gli Ebrei il bersaglio della xenofobia di gruppo, ora sono gli europei dell’Est e gli immigrati clandestini. Mentre a tutti gli altri, i normali impiegati, il personale ospedaliero, scolastico e del settore pubblico delle arti & cultura, non resta che sognare case che non potranno permettersi mentre viaggiano piagiati come sardine in una scatola troppo stretta, su treni e metropolitane che dai sobborghi li portano ad un posto di lavoro che permetterà loro di guadagnare lo stretto necessario che serve per pagare l’affitto, il trasporto e poco altro.
È un cane che si morde la coda. Che anche il Dr Johnson sarebbe scandalizzato davanti allo spettacolo della Londra moderna, corrotta e priva di buone maniere. Inutile dire che questo mi fa proprio arrabbiare.

 

Che ne sarà della Union Jack?

È di qualche settimana fa la notizia che, alla fine del 2015, il governo di David Cameron ha annunciato la chiusura dei Portsmouth Shipyards, i cantieri navali più famosi del Regno Unito, dove da cinquecento anni si costruiscono le navi della Royal Navy, la marina militare britannica.

Da qui sono uscite la Mary Rose, la nave ammiraglia di Enrico VIII costruita nel 1509  e tragicamente affondata con il suo carico umano nel 1545 durante un’altra guerra con la Francia, e adesso anch’essa parte del museo galleggiante della città. Da qui è partita la flotta di Francis Drake che ha vinto l’Invincibile Armada spagnola; da qui è uscita lHMS Victory con cui l’ammiraglio Horatio Nelson ha sconfitto Napoleone a Trafalgar. Sia La Mary Rose (o meglio, quello che ne resta) che la Victory sono visibile e visitabili nello straordinario Portsmouth Historic Dockyard, il Porto Storico della città. Una città operaia come la definisce giustamente Enrico Franceschini su La Repubblica, che a parte i cantineri navali e il Posrto Storico non davvero nient’altro (lo so, ci sono stata) e che ora si vede portare via da sotto il naso la sua unica fonte di sostentamento.
Ma sui giornali non se ne parla già più, tutti presi come sono dai capelli bianchi di Kate Middleton e da X Factor. L’Impero è finito, andate in pace. Ma tra la gente è diverso, tra la gente non si parla d’altro. Perché solo la gente comune sa cosa significa questo. “Una brutta botta per l’ economia nazionale. Un colpo ancora più duro per l’ orgoglio” scrive Franceschini.

Una brutta botta davvero. E non solo per le 1.800 persone che perderanno il posto di lavoro, ma anche come dice il giornalista espatriato a Londra, per l’orgoglio inglese. Chiudere i cantieri della Royal Navy è per l’Inghilterra un po’ come rinunciare ad un pezzo della sua “anima”. Inghilterra dico, non Regno Unito. Perché da qualche settimana il Regno Unito non è mai stato cosi diviso. Comprensibile, dato che la seconda parte della notizia è che, pur chiudendo Portsmouth, la Gran Bretagna continuerà a costruire le sue navi nel cantiere di a Clyde, in Scozia vicino a Glasgow. Dovrebbe essere una buona notizia – quella di Glasgow è una delle aree più povere dell’intero Regno Unito – ma non lo è. Certamente non per i lavoratori della città sulla Manica che sostengono che il cantiere scozzese è stato salvato per una questione politica.E come dar loro torto? Con l’avvicinarsi del referendum per l’indipendenza della Scozia nel 2014, sono in molti a pensare che il Governo Conservatore abbia preferito sacrificare la base inglese per assicurarsi i voti dei secessionisti scozzesi.  Vero o no, da fuori non pare un bel modo di appianare i dissensi esistenti tra Scozia e Inghilterra. Portsmouth vs Glasgow: ovvero, un’altra guerra tra poveri. E quando David Cameron dice che ci siamo dentro tutti insieme in questa crisi, mi chiedo in che mondo vive… Mi chiedo anche che ne sarà della bandiera, l’iconica Union Jack (o Union Flag come si chiama adesso) se la Scozia si separa. Cosa metteranno sulle teiere per i turisti??

Job cuts: The Ministry of Defence has announced that warships will no longer be manufactured in Portsmouth dockyard, pictured