Perdonami, Apple, perché ho peccato.

Ok, ammetto che il post in questione non c’entra molto con il soggetto di questo blog, ma quando ho letto la notizia sull’Evening Standard  la tentazione di riportarla qui è stata troppo forte. Che a quanto pare per la modica cifra di £1.19 ora è possible scaricare un’applicazione per l’iPhone (per chi ce l’ha) che offre consigli e suggerimenti per chi si vuole confessare, ma si vergogna del faccia a faccia o è un po’ arrugginito dalla mancanza di pratica. Insomma, lo strumento perfetto per ogni penitente.

Sviluppata negli Stati Uniti (e dove se non lì?) da una piccola compagnia dell’Indiana chiamata Little iApps, con l’assistenza del reverendo Thomas Weinandy della United States Conference of Catholic Bishops, e il Reverendo Dan Scheidt, pastore della Queen of Peace Catholic Church in Mishawaka, Indiana, iHave Sinned è un’applicazione mirata ad aiutare i cattolici durante il rito della confessione e ad incoraggiare coloro che si sono un po’ persi per strada a ritrovare la fede. Autorizzata e approvata  dalla chiesa cattolica americana, quest’applicazione permette ai fedeli di esaminare la loro coscienza prendendo in considerazione caratteristiche come l’età, il sesso e lo stato civile. Uh!
D’altronde non aveva Benedetto XVI sottolineato l’importanza della presenza cristiana nel mondo digitale?  Certo, l’applicazione non sostituisce la confessione vera e propria. Per l’assoluzione bisogna ancora andare dal un prete in carne ed ossa. Troppo facile sennò!

Annunci

Sicilia: terra di cultura e di conquista al British Museum

Che la Sicilia sia sempre stata una terra di conquista lo sappiamo tutti. O almeno lo sanno (o almeno dovrebbero saperlo) tutti gli scolari italiani che hanno prestato attenzione alle lezioni di storia a scuola. Ma per il resto del mondo, per tutti coloro che in Sicilia non ci sono mai stati (tra questi filistei ci sono anch’io) o che non hanno mai avuto occasione di approfondirne le complicate vicende, il fatto che in questa isola strategica, la più grande del Mediterraneo, ci sia molto più della Mafia o dell’Ispettore Montalbano (diventato superpopolare nella terra del Fish and Chips grazie alla BBC4 che periodicamente trasmette e ritrasmette la serie con Luca Zingaretti per la gioia di mia suocera) può essere una vera e propria rivelazione. Soprattutto per gli abitianti di un’altra isola come gli inglesi. Che se il fatto che i Normanni invasero la Gran  Bretagna nel 1066 è trapanato nel cervello di ogni ragazzino in età scolare, mi chiedo quanti scolari britannici (ma anche quanti adulti) sappiano che quegli stessi normanni che sbarcarono sulle coste inglesi guidati da Guglielmo il Conquistatore, invasero la Sicilia nel 1061 cinque anni prima che invadessero la Gran Bretagna, al seguito di Ruggero I di Altavilla (1031 circa- 1101) e la governarono per duecento anni…

Concordia temple in Agrigento, Sicily
Concordia temple in Agrigento, Sicily

Piantata com’è nel mezzo del Mediterraneo, questa bella isola ha attirato ondate di popoli sin dall’VIII secolo a.C. che ne hanno inevitabilmente influenzato e modificato la cultura, solo per essere poi irrimediabilmente conquistati dalla sua selvaggia bellezza. Cartaginesi, greci, romani, bizantini, arabi e normanni si sono susseguiti portando con sé il loro patrimonio linguistico e culturale: un patrimonio che ha finito con il mescolarsi, stratificarsi fino a diventare qualcosa di completamente nuovo e totalmente unico.

Dalla preistoria alla Magna Grecia (a Siracusa, che Cicerone descrive come “la più grande e la più bella di tutte le città greche” nasce Archimede che qui ha famosamente esclamato “Eureka!” ) passando per la dominazione Romana (testimoniata tra le altre cose da un impressionante rostrum di bronzo di una delle navi romane impegnate nella cruciale battaglia delle Egadi del 10 marzo 241 a.C., da poco ripescato dal mare) e le invasioni dei Vandali, fino ad arrivare alla conquista araba, che insieme ad una raffinata cultura portarono anche le arance per le quali l’isola è famosa, questa mostra racconta con garbo l’affascinante storia di quest’isola.

Come hanno fatto lingue e culture, anche religioni diverse hanno convissuto per secoli le une accanto alle altre in pace e armonia. Un’armonia espressa non solo nell’arte, ma anche negli oggetti personali, veri e propri capolavori di arte applicata, come il mantello di Ruggero II (1095-1154), tessuto a Bisanzio e ricamato da mussulmani i Sicilia per un Re cristiano; o una splendida iscrizione scolpita su un monumento funerario voluto da un suddito cristiano in onore della madre nel 1149, le cui parole sono ripetute in giudeo-arabo (in arabo scritto in alfabeto ebraico), latino, greco e arabo. Ma sotto Ruggero non furono solo le arti a fiorire con splendide opera architettoniche come la magnifica Cappella Palatina di Palermo, costruita a tra il 1130 e 1143 per volere di Ruggero II e consacrata il 28 aprile 1140, questa magnifica magnifica basilica a tre navate che si trova all’interno del complesso architettonico di Palazzo dei Normanni era la “cappella” privata della famiglia reale e a Palermo questo sovrano illuminato attrasse accanto a sé i migliori tra studiosi, filosofi e scienziati di ogni etnia, come il famoso geografo arabo al-Idrisi (Idrīsī o Edrisi)

Byzantine-style mosaic showing the Virgin as Advocate for the Human Race, originally from Palermo Cathedral, c.1130-1180 AD
Byzantine-style mosaic showing the Virgin as Advocate for the Human Race, originally from Palermo Cathedral, c.1130-1180

Le cose si complicano non poco quando, nel 1208, quattordicenne, Federico II (1194-1250) uscì dalla tutela della madre Costanza d’Altavilla (figlia di Ruggero II) e di Papa Innocenzo III  e assunse direttamente il potere nel Regno di Sicilia. Fino ad allora la principale preoccupazione del Pontefice  era stata quella di mantenere distinti Impero e Regno di Sicilia, ma questo diventa impossibile quando nel 1213 Federico II, sconfitto  Ottone IV di Brunswick, viene incoronato anche re di Germania nel 1213.

Nonostante la promessa di Federico di non unire in un’unico stato l’Impero e il Regno di Sicilia, il Pontefice Onorio III decide di allontanare lo Svevo spedendolo in Terra Santa alla guida dell V Crociata offrendogli in cambio del disturbo la corona imperiale. Incoronato in San Pietro a Roma nel 1220, Federico II viene poi scomunicato dal nuovo Papa Gregoro IX nel 1227  che lo accusa di aver tergiversato e di aver tradito la Chiesa.

Ma se l’imperatore Svevo era un’anticristo per il papa, per il resto del mondo era lo Stupor Mundis. Non solo diede vita in Sicilia (e nell’Italia meridionale) ad un regno basato su di un governo centralizzato e che poteva contare su di un’efficiente amministrazione, ma soprattutto fu un convinto protettore di artisti e studiosi e la sua corte fu luogo di incontro fra le culture greca, latina, araba ed ebraica.

Uomo straordinariamente colto (parlava sei lingue: latino, siciliano, tedesco, francese, greco e arabo) ed energico e lui stesso un discreto letterato, Federico ebbe un ruolo di primo piano nella storia della letteratura promuovendo la poesia della Scuola siciliana che fiorì a Palermo dal 1220 e fondando a Napoli un’Università (1224), che avrebbe permesso ai sudditi a lui fedeli di studiare senza doversi recare fino a Bologna. Sotto di lui la Sicilia raggiunge l’apice culturale e con i suoi successori iniziò il lento declino dell’isola che costringe artisti come Antonello da Messina a lasciare la sua terra e a trasferirsi a Napoli.

E il mio pensiero va inevitabilmente ad un’altra mostra che solo pochi mesi fa ha occupato proprio questi stessi spazi del British Museum e dedicata all’Egitto dopo i faraoni (Egypt: Faith After the Pharaohs), una mostra che come questa sulla Sicilia esplora la natura cosmopolita e multiculturale di un’altra antica potenze del mediterraneo. Che a pensarci bene, in un epoca come quella in cui viviamo in cui il multiculturalismo è diventato norma e in cui l’immigrazione (con le pressioni fiscali e sociali che ne derivano) è diventata una delle più grandi preoccupazioni della politica europea (non solo britannica) ha perfettamente senso che un’istituzione come il British Museum cerchi di esaminare e il modo in cui culture diverse possano coabitare, coesistere e interagire in modo positivo per tutti.

Sicily: culture and conquest
Fino al 14 agosto 2016
The British Museum, Londra
www.britishmuseum.org/sicily

La Figlia del papa (The Pope’s Daughter) Caroline Murphy,

Il modo in cui grandi donne del passato siano state praticamente cancellate dalla storia – la loro vita e le loro azioni liquidate a poco più di una riga in manuali accademici – mi lascia ancora adesso a bocca aperta. Come quando mi è capitato per caso tra le mani questo libro di caroline Murphy sulla vita di Felice della Rovere (1483-1536), per esempio.

Figlia illegittima (e riconosciuta) di Giulio II quando ancora Cardinale Giuliano della Rovere, Felice fa del suo ruolo di outsider il suo punto di forza. Testarda, diretta (non per nulla era figlia di suo padre…) si ritaglia un ruolo che de facto “sarebbe stato suo se fosse nata maschio, quello del cardinal nipote”. Donna colta e patrona delle arti, vanta tra le sue amicizie figure come Baldassare Castiglione, Leone X e Isabella d’Este. Ma non solo: sposata a Gian Giordano Orsini, assume alla morte del marito nel 1517 il controllo del patrimonio familiare degli Orsini, diventando la Governatrice della immensa fortuna della famiglia e dimostrando un fiuto per gli affari secondo a nessuno.Tra alti e bassi e rovesci di fortuna (tra cui quello non piccolo dell’essere sopravvissuta al Sacco di Roma nel 1527) questo libro ci accompagna attraverso le vicende di una donna forte in un mondo di uomini.

Caroline Murphy, La figlia del papa. Giulio II e Felice Della Rovere iniziatori del Rinascimento romano, Milano, Il Saggiatore, 2007.

401941

 

Papa Benedetto in visita in Inghilterra. Con al seguito gli arazzi della Cappella Sistina…

Oltre alle polemiche sulla pedofilia, il sacerdozio femminile, l’omofobia, l’aborto e gli anticoncezionali, la visita del Papa in Inghilterra sarà ricordata anche per le dichiarazioni del Cardinal Walter Kasper che a quanto pare ha detto che atterrare ad Heathrow è come arrivare in un paese del Terzo Mondo. Uhuhuh! Davvero non un buon inizio per  Papa Benedetto & C. C’è da immaginare che la Regina Elisabetta, che  ha dovuto interrompere le sue vacanze a Balmoral in Scozia per andare ad Edimburgo ad incontrare il Santo Padre, non sia stata particolarmente colpita da queste affermazioni. Mi chiedo se abbiano parlato di Enrico VIII e della Rifoma Protestante…

Ma insieme a tutte queste polemiche, Papa Benedetto XVI in Inghilterra e Scozia dal 16 al 19 Settembre 2010 ha portato con sè una chicca: quattro dei dieci arazzi disegnati da Raffaello per la Cappella Sistina attraverseranno la manica per essere esibiti al Victoria and Albert Museum di Londra accanto ai cartoni originali disegnati dall’artista urbinate. Un prestito senza precedenti, suggerito proprio dal Vaticano per celebrare alla grande la visita del pontefice. Un evento che neppure Raffaello stesso visse abbastanza da vedere.

800px-Arazzo_di_raffaello,_pesca_miracolosa
La pesca miracolosa. Photo © Vatican Museum
Comprati dal Principe di Galles, il futuro Carlo I, nel 1623 e da allora di proprietà della corona Britannica, i magnifici cartoni di Raffaello sono tra i grandi tesori del Rinascimento presenti sul suolo inglese. Commissionati nel 1515 da Papa Leone X nel 1515 per la Cappella Sistina due anni dopo che Michelangelo ne aveva dipinto il soffitto e realizzati a Bruxelles nel laboratorio del maestro fiammingo Pieter van Aelst, gli arazzi raffigurano episodi delle vite dei santi Pietro e Paolo. Ma se gli arazzi sono rimasti a Roma per gli ultimi cinque secoli, le vicende dei cartoni sono molto più movimentate.
Grandemente ammirati dai sovrani del Nord Europa (tra cui Enrico VIII) che si precipitarono a commissionare copie degli arazzi ai laboratori tessili di Bruxelles, per anni i cartoni passarono di mano in mano fino ad approdare a Genova dove, nel 1623, furono comprati per conto del Principe di Galles per 300 sterline.
Il perchè Oliver Cromwell non si sbarazzò dei cartoni dopo la Guerra Civile rimane un mistero. Viene solo da pensare che la magia di Raffaello avesse incantato anche lui (pare infatti che intendesse commissionarne un gruppo per sé stesso). Con la Restaurazione i cartoni tornarono alla famiglia reale e appesi nel palazzo di Hampton Court, lì restarono fino al 1865 quando la Regina Vittoria li diede in prestito permanente al Museo di South Kensington (ora il V&A) dove sono ancora oggi.
La mostra, nata da una collaborazione tra il Victoria and Albert Museum e i Musei vaticani, sarà ad ingresso libero, ma con biglietti d’entrata a tempo. (paola cacciari)
dal 8 settembre al 17 ottobre 2010.
Room 48a
Raphael: Cartoons and Tapestries for the Sistine Chapel
Victoria and Albert Museum, Cromwell Road, London, SW7 2RL, UK
Orario di apertura: tutti i giorni dalle 10 alle-17.45; Venerdì dalle 10 alle-22.00 (una selezione di gallerie aperte dopo le 18.00). Chiuso il 24, 25 & 26 Dicembre
Ingresso: libero.
Info: Tel. +44 (0)20 7942 2000
E-mail: vanda@vam.ac.uk