Alessandra Ferri in Woolf Works

Londra, Febbraio. Una folla impazzita applaude rumorosamente una piccola figura solitaria vestita di nero sul grande palcoscenico della Royal Opera House. La donna è Alessandra Ferri ed è bellissima. Ha appena danzato Woolf Works, splendido balletto in tre parti ispirato a tre romanzi di Virginia Woolf, creato per lei dal coreografo inglese Wayne McGregor. E a 54 anni la Ferri è più in forma che mai. A sentire lei grazie ad un po’ di pilates e yoga, discipline essenziali a mantenere l’elasticità delle articolazioni e largamente utilizzate anche dagli altri comuni mortali come noi e non solo dalle ex prime ballerine assolute. Ma quello che lei ha in più delle altre ballerine che hanno danzato con lei in in due delle tre parti del trittico di Wayne McGregor I now, I then (da Mrs Dalloway) e Tuesday (da The Waves), è la luce che irradia, la passione, la gioia di vivere, la bellezza pura del suo esser lì, in quel momento. Viva, pulsante. Una vera pin-up per noi donne di mezza età, che (un po’ come Mrs Dalloway?) siamo spesso troppo pronte a rassegnarci a quell’invisibilità a cui la vita dopo gli -anta (siano essi quaranta o novanta…) spesso ci relega.

federico-bonelli-beatriz-stix-brunell-alessandra-ferri-francesca-hayward-and-gary-avis-in-the-ii-now-i-theni-section-of-iwoolf-worksi-br-dave-morgan-courtesy-the-royal-opera-house-d

Era tanto che desideravo vederla danzare, Alessandra Ferri che per chi ama il balletto lei  una leggenda vivente avendo danzato con compagnie come il Royal Ballet di Londra (1980–1984), l’American Ballet Theatre di New York (1985–2007) e il Corpo di Ballo del Teatro alla Scala di Milano (1992–2007) e con personaggi come il leggendario Mikhail Baryshnikov e il nostro magnifico Roberto Bolle... solo per citare alcuni nomi. E nel 2015 c’ero quasi riuscita a vederla qui a Londra, in occasione di un allestimento di Chéri alla Royal Opera House anche se poi ho dovuto rinunciare all’ultimo momento per motivi di famiglia.

Ma lei ha continuato a stuzzicarmi per tutto questo tempo – anche se sotto forma di uno spot televisivo per il gigante farmaceutico inglese Boots, che è riuscito a convincerla ad accettare di pubblicizzare una delle loro creme per il viso. Lei ha accettato, ma ad una condizione: niente ritocchi alle rughe. Inutile dire che ho esultato. Ricordo mia madre, allora una bellissima quarantenne (plus) arrabbiarsi con le pubblicità delle creme per il viso pubblicizzate da modelle adolescentiche che promettevano risultati miracolosi.

E a questo Alessandra Ferri si è semplicemente opposta. All’idea che ci sia qualcosa di sbagliato con l’avere qualche ruga. Certo, è perfettamente normale per le donne (e anche gli uomini) il voler apparire al meglio. Ma questo – continua – la Ferri, significa fare le cose che ci fanno sentire meglio. È inutile negare quello che siamo e a meno che non impariamo ad accettare il fatto che il passare del tempo sia parte della vita, saremo sempre insoddisfatti. Che la vita continua anche dopo gli –anta. E, come nel caso della Ferri, può riservare ancora tante sorprese. Applausi

9 thoughts on “Alessandra Ferri in Woolf Works

  1. Cara Paola, il tempo che passa… a chi mi obietta che tanto succede a tutti e tanto vale, obietto a mia volta che mal comune non è mezzo gaudio, ma disgrazia intera universale…
    Ma non devo essere il solo a rammaricarmi se esiste anche una struggente canzone di Leo Ferrè, Le temps-qui- passe, ascoltarla per credere.

    Liked by 1 person

  2. una gran donna che sfortunatamente non ho mai visto ballare…quanto agli anni che passano, li dimostriamo sempre, anche se ci tolgono le rughe, bisturi o photoshop….è lo sguardo a rivelarci..
    ciao paola.

    Liked by 1 person

    1. mi mette una tristezza quando vedo donne di una certa eta’ devastate dalla chirurgia plastica! Invecchiare non piace anessuno, ma trovo patetico questo ostinato restare attaccati ad una gioventu’ che non esiste piu’… :/

      Liked by 1 person

      1. ecco ben dici patetico, fortunatamente nella mia numerosa famiglia le donne hanno accettato tutte di invecchiare nature… anche zia wanda con i suoi 3 mariti…ecco magari a volte s’impiastra un po’ troppo la faccia…… e poi si ride addosso da sola. Quindi spero d’esser come loro 😀

        Liked by 1 person

  3. L’ha ribloggato su StefaniaSanlorenzoe ha commentato:
    una danzatrice è una donna. Luci su Alessandra Ferri.
    grazie Paola delle tue impressioni… la danza come ogni forma d’arte deve trascendere tecnica tempo e portare se stessa e nelle sfumature interpretative quel senso proprio della vita di ogni esecutore. ci arricchiamo di tutto ciò quando è possibile.

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.